Come Fare Backup dei Dati Android (Gratis)

creare backup dati android google gratis senza root

Anche se il tuo cellulare o smartphone Android non ti ha mai dato problemi, questo non significa che non possa rompersi da un momento all’altro!

Certo, non ti auguriamo naturalmente di andare incontro a questo spiacevole evento ma – si sa – prevenire è meglio che curare. E, in questo caso, prevenire significa effettuare un periodico e completo backup gratuito dei tuoi dati su Android.Questo perché in caso ci si ritrovi a non poter recuperare o non riuscire ad accedere a tali informazioni (foto, contatti, messaggi, chat di whatsapp ecc.), queste ultime saranno sempre recuperabili in pochi istanti, in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo ci si trovi.

Ma come puoi fare?

Di seguito, per te, abbiamo selezionato le migliori soluzioni gratuite che ti permetteranno di fare un backup completo di tutti i tuoi dati conservati nello smartphone Android e, di conseguenza, poter godere di una migliore serenità nella gestione del tuo dispositivo mobile.

Vediamole una per una nel dettaglio!

Come Effettuare un Backup Completo Android (senza root)

Se stai temendo per il tuo prezioso (e molto costoso) smartphone Android, se sei in procinto di cambiare modello di cellulare Android o pensi ti stia per abbandonare, cosa fare quindi per mettere al sicuro tutti i tuoi preziosi dati personali?

La bella notizia è che ci sei quasi. Stai per imparare come archiviare e proteggere per sempre tutte le tue informazioni, tutte le applicazioni e i dati generati da queste ultime e molto molto altro.

Di alternative per salvare i dati e fare un backup Android (senza root e in modo completamente gratuito) ne esistono tantissime ma in questo mare magnum di scelte quale scegliere?

Te lo diciamo noi! Soluzioni semplici e veloci che non prevedono alcuna conoscenza informatica pregressa, non devi essere uno scienziato o un ingegnere spaziale per riuscire nell’intento anzi, tutt’altro!

Dirai finalmente basta al rischio di perdere i tuoi sms, contatti, video, foto, appuntamenti presenti in calendario e tutto ciò che è salvato nella memoria esterna del tuo smartphone Android.

Helium

logo helium backup android

Cominciamo da Helium, una delle soluzioni più semplici e gratuite per creare un backup completo del tuo Android che abbiamo voluto riservare per le tue esigenze. (potrai inoltre procedere ad un ripristino super rapido di tutte le app dopo la configurazione del tuo nuovo smartphone Android)

Si tratta di un’app molto conosciuta e molto utilizzata (sono oltre un milione le installazioni già effettuate) che può funzionare senza permessi o diritti di root. Cosa significa questo?

Che tutti gli utenti che ancora non hanno effettuato lo “sblocco” del proprio dispositivo Android possono sfruttarne tutte le caratteristiche semplicemente collegando il proprio smartphone al personal computer e installando un’estensione di Chrome al proprio PC.

Chi invece ha il root può evitare di passare attraverso questa procedura intermedia, e usare l’app direttamente senza bisogno di collegare lo smartphone al personal computer.

Chiarito quanto sopra, vediamo ora come eseguire un backup Android senza permessi di root attraverso l’app Helium.

L’app è disponibile in una versione completamente gratuita che consente di poter salvare e ripristinare le proprie applicazioni sul dispositivo Android. Non tutte le app sono ripristinabili però: dipende semplicemente dal produttore dell’applicazione e, dunque, occorre pur sempre comprendere se lo sviluppatore abbia o meno concesso il permesso a una simile attività.

È disponibile altresì una versione a pagamento (dal costo inferiore ai 4 euro) che consente di trasferire le app da un dispositivo all’altro e di ripristinare i backup effettuati sul cloud.

Per quanto attiene il suo funzionamento, se il tuo smartphone Android ha il root è ovviamente tutto molto più intuitivo, considerato che sarà sufficiente scaricare l’app sul proprio smartphone ed eseguirla.
Se invece non si ha il root, bisogna attraversare qualche passaggio in più che, comunque, non dovrebbe complicare più di tanto il raggiungimento del proprio obiettivo.

Come effettuare un backup Android senza permessi di root attraverso l’app Helium

  1. Scarica per prima cosa Helium dal PlayStore e installalo sul tuo smartphone
  2. Quindi, scarica i driver del tuo smartphone e installali sul personal computer (se hai provveduto in precedenza ad installare la suite ufficiale (quale ad esempio Kies) per gestire il tuo smartphone Android molto probabilmente non ne avrai bisogno essendo questi già presenti)
  3. Apri Chrome sul personal computer e installa l’estensione di Helium dedicata
  4. Fatto anche questo, avvia Helium sul tuo telefono e segui tutte le istruzioni che compariranno sullo schermo. Non è molto complicato: l’app ti domanderà di accedere con il tuo account Google e poi di abilitare il debug USB ed infine di impostare la modalità di connessione PTP
  5. In ultimo, apri l’app di Helium in Chrome, collega lo smartphone al PC e accetta l’attivazione Debug USB sullo smartphone stesso.

A quel punto, sarai pronto ad effettuare il backup di tutti i dati presenti sul tuo cellulare Android in qualsiasi momento scegliendo se salvare il tutto su una memoria interna, su una scheda SD o su un servizio cloud quale Google Drive. Nel caso in cui tu voglia ripristinare i backup, recati nella scheda di ripristino e selezionare quale backup vuoi utilizzare.

Titanium Backup

logo titanium pro apk backup android

Oltre ad Helium, la seconda più conosciuta app per poter effettuare un backup delle applicazioni su Android è rappresentata da Titanium.

Il funzionamento è simile a Helium, ed è simile a quest’ultimo anche il modello di business. Abbiamo infatti la possibilità di utilizzare una prima app in forma completamente gratuita.

Questa ti permetterà di effettuare tutti i backup dei dati Android che vorrai, e una seconda app che costa un po’ meno di 6 euro che in più ti fornisce alcuni sostegni ai servizi di cloud, oltre alla possibilità di ripristinare le app di backup precedenti senza doverlo fare in maniera manuale.

Ora, è difficile affermare quale tra Helium e Titanium possa essere la migliore app per il backup completo dei dati su Android. Il nostro suggerimento è quello di installarle e di provarle entrambe, almeno nella versione gratuita, e cercare di capire quale possa risultare più semplice da configurare e da utilizzare a seconda delle proprie necessità.

In questo confronto, si tenga però conto che Titanium Backup può essere utilizzata solamente se si hanno i permessi di root.

Dunque, se non si è provveduto a sbloccare il proprio smartphone tramite root, non si potrà utilizzare.

Detto ciò, usare l’app è semplicissimo.

Come effettuare un backup Android (con permessi di root) attraverso l’app Titanium Backup

  1. Una volta scaricata e installata l’app che puoi trovare su Play Store, premi sull’icona del foglio con una spunta (si trova in alto a destra) e poi seleziona il Backup di tutte le app e dei dati sistema
  2. Scegli la cartella di destinazione presente o nella memoria interna o nella scheda SD su cui salvare i dati nell’apposita sezione (che trovi su Menu > Preferenze > Percorso cartella backup) e dai il via al processo di backup
  3. Se invece vuoi fare il percorso inverso, e dunque vuoi ripristinare i file e le app, premi sempre l’icona con il foglio e il segno di spunta e poi seleziona la funzione che desideri.

Easy Backup & Restore

logo backup and restore apk backup android

Compiamo un ulteriore passo in avanti nella nostra guida sul come effettuare un backup completo dei dati in Android.

Se infatti non sei particolarmente interessato al backup delle applicazioni ma sei più che altro interessato soltanto al salvataggio di tutti i tuoi SMS, contatti, dati in agenda e calendario ecc (insomma, i “tuoi” dati), puoi provare l’ottimo Easy Backup & Restore.

Si tratta di un’applicazione – ovviamente – gratuita, estremamente semplice da utilizzare, che ti permetterà di salvare i messaggi, la cronologia delle chiamate, la rubrica, il calendario e tutti i tuoi dati personali sulla memoria interna del telefono, su una scheda SD o su un servizio di cloud storage.

Per funzionare, contrariamente a Titanium, non richiede il root.

Anche se non dovresti avere alcuna difficoltà nella sua fruizione, ti ricordiamo che per poterla utilizzare, dopo averla installata, dovrai premere sul pulsante Effettua backup. L’app ti chiederà quali elementi vuoi includere nel backup: una volta che li hai selezionati tutti (o, almeno, quelli di tuo interesse) premi su OK e scegli la destinazione preferita di salvataggio.

Se poi vuoi ripristinare i dati, nessun problema. Tutto quello che devi fare è infatti accedere all’app, selezionare la voce di ripristino, individuare quali dati ripristinare e confermare l’operazione.

Facile, no?

Backup dei dati su Android con Google

logo google backup suite android

Naturalmente, oltre alle soluzioni sopra citate, potrai eseguire un backup completo dei tuoi contenuti Android (dati e impostazioni) anche attraverso i servizi di Google stessi.

Puoi dunque scegliere di creare delle copie di sicurezza grazie ai servizi che la grande G ti mette a disposizione per poi ripristinare i dati di backup sul tuo dispositivo originale o su qualsiasi altro nuovo o successivo dispositivo Android (opzione, quest’ultima, particolarmente utile se hai perso o distrutto definitivamente il tuo device originale).

Stai però attento a non cadere nella tentazione di conservare in maniera eccessivamente versatile questa compatibilità di ripristino. Il backup dei dati Android ( o meglio il suo ripristino) varia infatti in base al dispositivo e alla versione di Android che è installata sul device. In altri termini, non puoi ripristinare un backup di una versione successiva di Android su un dispositivo che ha installata una versione precedente.

Ma perché, allora, dovresti preferire le app di cui sopra invece di effettuare il backup con Google? Non sarebbe forse meglio affidarsi al backup “ufficiale” di Google, sviluppatore di Android, piuttosto che ricorrere ai servizi terzi?

In realtà, dipende molto dalle tue preferenze. In linea di massima, ricorrere ai servizi Google è un po’ più complesso, considerato che non dovrai utilizzare un unico strumento – come invece avviene con le app di cui sopra – ma tanti strumenti, per giunta in maniera parzialmente manuale. Qualche esempio?

  • Se vuoi eseguire il backup di foto e video sul tuo Android, devi usare la raccolta di Google Foto seguendo queste istruzioni (seleziona la scheda Android)
  • Se invece vuoi effettuare il backup di contenuti, puoi caricare manualmente file e cartelle su Google Drive, seguendo queste altre indicazioni (seleziona la scheda Android)
  • Se vuoi effettuare il backup di dati e di impostazioni, proteggendo così i dati di cui hai effettuato il backup, dovrai usare un PIN, una sequenza o una password per il blocco schermo. Per far ciò, vai su Impostazioni, e poi su Sistema > Avanzate > Backup, attivando il relativo servizio.

Insomma, come puoi ben immaginare il percorso è un po’ più complesso rispetto a quanto sopra abbiamo avuto modo di spiegare. Potrebbe tuttavia essere la migliore soluzione se desideri effettuare un backup selettivo dei dati Android, di soli specifici contenuti, piuttosto che fare un backup massivo di tutto ciò che è presente nel tuo dispositivo.

Ad ogni modo, se vuoi seguire questa strada, di seguito trovi alcune utili indicazioni:

Come Eseguire un Backup dei Dati Android con i Servizi di Google

google g suite android backup

La prima cosa da fare è certamente quella di usare l’app Google Drive con la quale sarai in grado di effettuare il backup dei dati in modo gratuito.

  1. Scarica l’app dal Google Play Store
  2. Vai in Impostazioni
  3. Seleziona la voce di menu Backup e Ripristino
  4. Abilita la funzione di Backup su Google Drive e clicca su Effettua ora il backup

Hai 115 GB gratuiti a disposizione, condivisi con Gmail e Foto. Oltre, dovrai pagare un piccolo abbonamento di pochi euro al mese.

Successivamente, ti consigliamo di usare Android Backup Service, che a volte puoi trovare attivo di default. Con tale opzione potrai salvare dati e impostazioni (da Google Calendar alle password, dagli sfondi alle impostazioni di display ecc.), in modo piuttosto immediato.

  1. Vai nelle Impostazioni e poi su Backup
  2. Quindi procedi su Backup Google controllando che la voce sia abilitata
  3. In Impostazioni e poi su Account – Google spunta tutte le voci per le quali sei interessato a crearne un backup

Per le foto e video la migliore strada è certamente quella di usare Google Foto. Scaricalo qui dal Play Store e poi vai su Impostazioni > Backup e sincronizzazione. Imposta la dimensione di caricamento e abilita la voce Backup e sincronizzazione. Una volta completato il backup potrai eliminare i file caricati o meno, al fine di liberare spazio sul device.

Se vuoi salvare i tuoi progressi con i giochi che sono presenti sul Play Store, puoi farlo integrando tale opzione sulla piattaforma Google Play Giochi, che puoi trovare qui. Vai su Impostazioni e poi abilita le voci Accedi automaticamente ai giochi e Accedi con questo account. In questo modo Play Giochi si sincronizzerà automaticamente ad ogni nuovo gioco installato.

Concludiamo infine con un cenno ai file musicali. In questo caso la strada ufficiale per poter creare backup è quella di usare l’app Music Manager di Google. Dopo aver scaricato Play Musica, apri il Music Manager e scegli il percorso da cui prendere i file multimediali. Una volta fatto, avvia la sincronizzazione: verranno automaticamente coordinati con quanto presente all’interno dell’app Play Musica del tuo smartphone.

Conclusioni

Speriamo che queste brevi indicazioni ti siano state utili per poter realizzare un buon backup di Android. E tu, quale soluzione hai scelto per mettere al sicuro ed eseguire un backup completo Android? Dubbi, curiosità o quale errore da segnalare? Scrivicelo nei commenti. Saremo ben lieti di rispondere a ogni tuo quesito in merito, con un riscontro diretto o un nuovo approfondimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

[Voti: 5    Media Voto: 4.8/5]

Altri Articoli

icona di google chrome
google

Google Chrome Dice Addio a Silverlight

Facebook0 Twitter0 Stampa0 Email0 condivisioni Non molto tempo fa, Google Chrome è stato aggiornato alla versione 42. Se per molti l’aggiornamento è passato inosservato (non avendo modificato

Leggi Tutto »